Switch to English Passare a Italiano

AGENZIA ITALIANA PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPOLibano e SiriaSede di Beirut

AGENZIA ITALIANA PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO  - Libano E Siria - Sede di Beirut | – ITALIAN AGENCY FOR DEVELOPMENT COOPERATION - Lebanon and Syria - Beirut Office Ambasciata d'Italia a Beirut European Union Presidency of the Council of Ministers - Lebanon

Avvio di un centro per il trapianto di midollo osseo nell’ospedale pubblico R. Hariri di Beirut
Budget
300,000.00 €
Date di esecuzione
2009 -2015
Ente Esecutore
Gestione Diretta
Partners
MOPH (Ministero della Salute Pubblica Libanese), Ospedale Pubblico Hariri, Istituto Mediterraneo di Ematologia (IME)

Avvio di un centro per il trapianto di midollo osseo nell’ospedale pubblico R. Hariri di Beirut

Il progetto intende contribuire a migliorare la qualità di vita dei pazienti affetti da talassemia maggiore e da malattie onco-ematologiche.

L’iniziativa prevede di equipaggiare il laboratorio dell’Ospedale Pubblico Hariri con la tecnologia di biologia molecolare, necessaria alla tipizzazione HLA di pazienti e donatori e propedeutica ai trapianti di midollo. Attraverso l’acquisizione di queste attrezzature sarà possibile porre le basi per l’istituzione di un centro di eccellenza per il trapianto di midollo osseo, che contribuirà ad aumentare le possibilità di sopravvivenza dei pazienti.
Il trapianto di midollo osseo costituisce ad oggi l’unica possibilità di guarigione per pazienti affetti da talassemia maggiore, malattia frequente nell’area mediterranea e che in Libano incide in maniera importante sul tasso di mortalità infantile e sulle aspettative di vita (i pazienti talassemici hanno una aspettativa di vita intorno ai 20 anni).
Successivamente all’acquisizione delle attrezzature, è previsto un intervento di formazione del personale tecnico (9 professionisti tra cui medici, infermieri e biologi) ad opera dell’Istituto Mediterraneo di Ematologia (IME).
In seguito si prevede l’acquisto di apparecchiature più avanzate, quali un irradiatore di sangue per trapianto e metodo SSO (Sequence Specific Oligonucleotyde), indispensabili per il controllo finale di compatibilità tra ricevente e donatore (che ora si svolgono all’estero) e per l’esecuzione stessa dei trapianti in Libano.