Switch to English Passare a Italiano

AGENZIA ITALIANA PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPOLibano e SiriaSede di Beirut

AGENZIA ITALIANA PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO  - Libano E Siria - Sede di Beirut | – ITALIAN AGENCY FOR DEVELOPMENT COOPERATION - Lebanon and Syria - Beirut Office Ambasciata d'Italia a Beirut European Union Presidency of the Council of Ministers - Lebanon

Sviluppo Sociale

Sviluppo Sociale

In Libano il sistema di welfare copre solamente il rimborso di alcune spese mediche, le pensioni sociali e le allocazioni familiari - i casi di disoccupazione, infortunistica o lavoro autonomo risultano esclusi da schemi di protezione. Le "reti” informali di sicurezza sociale, a base comunitaria e religiosa, sono spesso sostitutive del sistema pubblico, lasciando ai privati la cura di salute e istruzione.
L’afflusso massiccio di rifugiati provenienti dalla Siria ha ulteriormente indebolito le già scarse risorse disponibili per le fasce vulnerabili della popolazione, rendendo ancora più determinante il sostegno fornito attraverso le iniziative di cooperazione.
La "stabilizzazione” dei servizi esistenti, volta a permettere un accesso paritario ad un più ampio numero di utilizzatori, comporta quindi un aumento considerevole del budget pubblico. Il tasso di povertà è in crescita, con 140.000 nuovi poveri libanesi calcolati a fine 2014. L’inadeguatezza delle strutture sociali è all’origine di fenomeni quali la tensione tra comunità siriane e libanesi, la recrudescenza delle malattie ed il rischio d’epidemie, la dispersione scolastica ed i conseguenti fenomeni di lavoro minorile e abuso sui minori, il deterioramento delle condizioni d’igiene e di accesso alle fondamentali infrastrutture sociali (acqua, fognature, elettricità). Alla luce di queste considerazioni, appare evidente come il settore sociale continui a rivestire un ruolo estremamente importante nel contesto degli aiuti allo sviluppo per il Libano.

Tra i principali temi suggeriti nei documenti programmatici dei tre Ministeri di riferimento Libanesi (Affari Sociali, Istruzione, Salute) figurano:
- lotta alla povertá/ vulnerabilitá;
- estensione di schemi pensionistici e fondi disoccupazione;
- estensione delle garanzie di rimborso sanitario;
- protezione dell’Infanzia;
- promozione dell’uguaglianza tra i sessi;
- introduzione delle Nuove Tecnologie nella pubblica istruzione;
- crescita del comparto "formazione professionale”;
- estensione della rete dei Centri di Primo Soccorso e miglioramento degli schemi di governance sanitaria (dati, informatizzazione, protocolli di cura, prevenzione, HR).