Switch to English Passare a Italiano

AGENZIA ITALIANA PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPOLibano e SiriaSede di Beirut

AGENZIA ITALIANA PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO  - Libano E Siria - Sede di Beirut | – ITALIAN AGENCY FOR DEVELOPMENT COOPERATION - Lebanon and Syria - Beirut Office Ambasciata d'Italia a Beirut European Union Presidency of the Council of Ministers - Lebanon

La Cooperazione Italiana in Siria

La Cooperazione Italiana in Siria

L’aggravarsi della crisi e l’aumento dell’instabilità della Siria in termini di sicurezza hanno portato il MAECI/DGCS a sospendere, il 14 marzo 2012, le attività dell’Ambasciata d’Italia a Damasco ed a rimpatriare tutto lo staff della sede diplomatica. L’intero Programma della Cooperazione Italiana allo Sviluppo in Siria è da considerarsi pertanto sospeso.

Le attività della Cooperazione italiana in Siria eranodisciplinate essenzialmente dal Memorandum d'Intesa firmato a Damasco il 23 novembre 2000 e dal relativo programma all’epoca concordato, che prevedeva finanziamenti per circa 83 milioni di Euro (fra fondi a dono e fondi a credito d’aiuto) per la realizzazione di progetti nei settori della sanità (Programma di Formazione post base infermieristica, Creazione di un Centro cardiochirurgo infantile con reparto per il Trapianto di Midollo Osseo presso l’Ospedale Universitario di Damasco, Programma di fornitura di attrezzature medico-ospedaliere all’Ospedale di Ma’arra), dell'agricoltura e dell’agro-industria (Assistenza tecnica per il miglioramento dell’olio di oliva siriano, Razionalizzazione dell’uso delle risorse idriche nella regione di Ras al-Ain,), della valorizzazione del patrimonio culturale (Programma per il rinnovamento e la industrie è riorganizzazione del Museo e della Cittadella di Damasco, rinnovo e ammodernamento dei Musei Nazionali di Idlib e Aleppo) di quello sociale (Linea di credito agevolato a supporto dell’Agenzia per la Lotta contro la Disoccupazione) nonché del sostegno alle PMI (sostegno alle PMI del settore tessile/abbigliamento). Il Memorandum del 2000 prevedeva interventi a dono per un totale di circa 26,5 milioni di euro ed interventi in credito d'aiuto per un totale di circa 56,5 milioni di euro. Alcuni di questi progetti sono stati completati o sono in corso di completamento, altri invece stanno per partire o sono ancora in fase di verifica.

L’11 settembre 2008 era stato firmato il nuovo Protocollo Bilaterale di Cooperazione che prevede un supporto finanziario per gli anni 2008-2010 di 63 milioni di euro a credito d’aiuto e 24,45 milioni di euro a dono.

Il 16 dicembre 2009, infine, era stato siglato il nuovo Accordo Quadro di Cooperazione tra i due paesi ed entrato in vigore il 27 dicembre 2010.


Prima della sospensione delle attività nel 2012, i programmi in corso erano i seguenti:

CANALE MULTILATERALE

"Razionalizzazione dell’uso delle risorse naturali per il miglioramento della produzione agricola” (AID. 9159) eseguito dall’Istituto Agronomico Mediterraneo (CIHEAM) di Bari

"Valorizzazione territoriale e sostegno socio-economico alle comunità rurali di Ebla” (AID 6187) eseguito dall’Istituto Agronomico Mediterraneo (CIHEAM) di Bari

- "Regional Programme on Integrated Pest Management (IPM) in the Near East” eseguito dalla FAO

"Sviluppo istituzionale dell’Agricoltura Biologica in Siria” eseguito dalla FAO

"Progetto per la prevenzioni degli incendi boschivi a Lattakia” eseguito dalla FAO

- "Costruzione di capacità a livello governativo e non governativo, per la gestione dei flussi migratori iracheni e per la salvaguardia dei diritti dei migranti nei paesi affetti dal perdurare della crisi degli sfollati iracheni” (AID. 9049). Contributo volontario all’IOM

-  Programma di sostegno allo studio universitario e sanitario per i rifugiati iracheni in Siria. Contributo volontario all’UNHCR


CANALE BILATERALE

"Formazione delle risorse umane e sostegno nel campo dell’informazione e gestione sanitaria all’Ospedale di Maarrat” (AID. 6936)

"Creazione di un Centro cardiochirurgico infantile con reparto per il Trapianto di Midollo Osseo presso l’Ospedale Universitario di Damasco” (AID. 6931)

"Museo Nazionale di Damasco: programma per il rinnovamento e la riorganizzazione del Museo e dei relativi servizi aggiuntivi; Cittadella di Damasco: procedure per la creazione di un distretto culturale con interventi di urgenza alle strutture” (AID. 6935)

- "Museo regionale di Idlib: programma per il rinnovamento e la riorganizzazione del museo” (AID. 6932)