Switch to English Passare a Italiano

AGENZIA ITALIANA PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPOLibano e SiriaSede di Beirut

AGENZIA ITALIANA PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO  - Libano E Siria - Sede di Beirut | – ITALIAN AGENCY FOR DEVELOPMENT COOPERATION - Lebanon and Syria - Beirut Office Ambasciata d'Italia a Beirut European Union Presidency of the Council of Ministers - Lebanon

Promozione di un modello operativo pilota di inclusione scolastica dei bambini disabili nelle scuole primarie del Libano
Budget
673.305.000 €
Date di esecuzione
2011-2015
Ente Esecutore
ONG GVC
Partners
YAB – Youth Association of the Blind, LPHU (Lebanese Physical Handicapped Union), Inclusion Network, MEHE, MoSA, MoH, Università di Saint Joseph, le Municipalità di riferimento delle scuole coinvolte, la Regione Emilia Romagna

Promozione di un modello operativo pilota di inclusione scolastica dei bambini disabili nelle scuole primarie del Libano

Obiettivo generale del progetto è "contribuire all'applicazione della legge libanese 220/2000 relativa alla promozione dei diritti dei disabili”.

Il progetto si realizzerà in sei scuole pubbliche regolamentari libanesi, distribuite equamente nel distretto di Beirut, nel nord e nel sud del paese.

Oltre ad interventi mirati in materia di accessibilità, comprendenti iniziative per l’adozione dei libri di testo in linguaggio Braille, le attività previste riguardano percorsi formativi rivolti a tutti gli attori che ruotano attorno al bambino disabile (insegnanti, direttori di scuola, educatori e assistenti sociali, impiegati ministeriali). I corsi di formazione favoriranno lo sviluppo di competenze specifiche per ogni partecipante. In 5 classi per ciascuna scuola, 10 bambini con disabilità (anche visive) verranno inclusi sulla base del Progetto Educativo Personalizzato (PEP), attraverso seminari informativi e attività di sensibilizzazione sul problema della disabilità.

Lo scopo è sviluppare un solido partenariato tra la società civile, le scuole e gli enti ministeriali, allo scopo di valutare per ciascun bambino disabile lo stato di inclusione nella classe e di consolidare in futuro il modello proposto.


Galleria Fotografica