Switch to English Passare a Italiano

AGENZIA ITALIANA PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPOLibano e SiriaSede di Beirut

AGENZIA ITALIANA PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO  - Libano E Siria - Sede di Beirut | – ITALIAN AGENCY FOR DEVELOPMENT COOPERATION - Lebanon and Syria - Beirut Office Ambasciata d'Italia a Beirut European Union Presidency of the Council of Ministers - Lebanon

Sviluppo sostenibile della Buffer Zone della riserva dei Cedri dello Shouf
Budget
Euro 500.000,00
Date di esecuzione
2016 – 2017
Ente Esecutore
Ministero dell’Ambiente Libanese
Status
in partenza

Sviluppo sostenibile della Buffer Zone della riserva dei Cedri dello Shouf

La presente iniziativa è indirizzata in favore del rafforzamento della Al Shouf Cedar Riserve (SCR), che costituisce la riserva naturale più estesa del Libano. Le attività di progetto mirano a favorire lo sviluppo della SCR, in particolare nella capacità tecnica ed infrastrutturale della direzione per gestire la buffer zone, che gioca un ruolo fondamentale nella conservazione del patrimonio naturale e culturale della regione e di tutto il Paese. Le attività si concentreranno sullo sviluppo e sulla realizzazione di un piano di azione per la protezione della biodiversità, sul potenziamento della capacità gestionale attraverso specifiche attività formative, sulla valorizzazione della biomassa legnosa per scopi energetici e sulla realizzazione di attività di agricoltura sostenibile.

Il Ministero dell’Ambiente e la SCR hanno partecipato nell’elaborazione di questa Piano Operativo di Gestione (POG). L’iniziativa è coerente e integrata con l’insieme delle azioni svolte dalla DGCS all’interno del sostegno al risanamento ambientale in Libano, che rappresenta una priorità dell’azione della Cooperazione Italiana e sulla quale sta convergendo l’interesse e la partecipazione della comunità dei donatori.

Obiettivo generale è contribuire a migliorare la conservazione e protezione del patrimonio ambientale libanese in collaborazione con le autorità centrali e locali.

L’obiettivo specifico consiste nel rafforzamento delle capacità tecniche, manageriali ed infrastrutturali della Riserva dei Cedri dello Shouf e del Ministero dell’Ambiente, per uno sfruttamento sostenibile delle risorse naturali della buffer zone.

I diretti beneficiari sono i circa 80.000 abitanti dei 22 Paesi appartenenti alla SCR, che possono disporre di ulteriori forme di reddito da pratiche sostenibile di sfruttamento delle risorse naturali. Sarà inoltre anche stimolato l’avvio di piccole o medie imprese da parte della nuova generazione per mitigare l’abbandono delle zone rurali da parte dei giovani.

Beneficiario indiretto è la popolazione libanese essendo la riserva un patrimonio nazionale.

Galleria Fotografica